ADS TOP

Quali sono le Differenze tra Laccato e Nobilitato?

Una domanda che mi viene posta sempre più spesso dai clienti è che differenza c'è tra Nobilitato e Laccato.

Facciamo chiarezza con le definizioni dei due materiali.


CHE COS'È IL NOBILITATO??

Il nobilitato è un pannello di legno truciolare o MDF rivestito su di un lato, o su tutti e due i lati, con carta melamminica, materiale sintetico costituito da fogli di carta sottilissima impregnata di resina melamminica. Lo sviluppo di carte sempre più realistiche, unito a doti notevoli di durezza e resistenza al graffio e ai solventi della superficie, rende questo prodotto usatissimo nel mondo dell'arredamento. Ci sono vari tipi di nobilitato, sia tinte unite lucide che opache, ma anche repliche di materiali più complessi come legni, cementi, tessuti, pelli, metalli, ...
Alcuni esempi di finiture dei pannelli Nobilitati.
CHE COS'È IL LACCATO??
Per "laccato" si intende una finitura esterna realizzata tramite verniciatura con colorazione uniforme che ricopre tutto il pannello con uno strato di vernice; quest'ultima può essere sia opaca che lucida.
Esempio di laccatura opaca.
Come prima differenza quindi, si può dire che il nobilitato è un pannello che arriva con le superfici già "finite", pronto da tagliare, forare, bordare e assemblare; mentre la laccatura è una vernice con cui viene ricoperto un pannello grezzo, solitamente MDF.

MA QUINDI CHE DIFFERENZE CI SONO?

PULIZIA

  • Il Nobilitato, essendo una "carta" applicata su un pannello, resiste molto agli agenti chimici contenuti nei prodotti per la pulizia (pensate che noi in lavorazione lo puliamo con il diluente!! ).
  • Il Laccato invece, essendo una vernice applicata, subisce moltissimo agenti chimici e sfregamenti, modificando la sua struttura (Esempio: se sfregate tanto durante la pulizia una superficie laccata opaca questa diventerà sempre più lucida).

QUALITÀ ESTETICA

  • Il Nobilitato, venduto dai produttori come pannelli, si "trasforma" attraverso semplici manipolazioni come i tagli, le forature, e l'incollaggio. Per non lasciare visibili i profili grezzi, viene applicato un bordo in PVC o sostanze plastiche che replicano la finitura del nobilitato. Se da un lato questo bordo applicato copre il truciolare interno, dall'altro rende visibile la giunta tra la superficie piana e il bordo stesso, evidenziando con una sottile riga divisoria lo stacco delle due superfici.
  • Il Laccato di contro, ricopre in maniera uniforme tutta la superficie del pannello, senza lasciare aloni, divisioni e segni particolari e anti-estetici.
Nobilitato effetto marmo dove il bordo, una volta spigolato, cambia colore e diventa "liscio"
e perde la "texture" del marmo.

LAVORABILITÀ

  • Il Nobilitato è formato, al suo interno, da trucioli di varie dimensioni pressate ed incollate tra di loro. Questo lo rende non adatto a determinate lavorazioni come scavi ed incisioni.
  • Il Laccato, sopratutto se come base si utilizzano dei pannelli di MDF, permette di essere scavato ed inciso per poi essere ricoperto interamente dalla vernice. Così facendo si possono realizzare maniglie a gola, incisioni con i disegni più disparati, e molte altre lavorazioni!
Esempio di maniglia a gola "centrale" su anta laccata opaca bianca.


COSTO

  • Il Nobilitato, essendo composto da trucioli di derivazione da altre lavorazioni, unito alla superficie già esteticamente "pronta", riesce a mantenere il suo costo relativamente basso.
  • Il Laccato invece, essendo una verniciatura aggiunta, è inevitabilmente più costoso in quanto oltre al singolo prezzo della verniciatura, bisogna calcolare anche il costo del materiale di fondo sulla quale viene applicata.

Scoprite tutti i nostri materiali cliccando QUI .


AVETE BISOGNO DI ALTRE INFORMAZIONI SU QUESTI MATERIALI?

Potete scriverci a: info@fratellibergo.it

Quali sono le Differenze tra Laccato e Nobilitato? Quali sono le Differenze tra Laccato e Nobilitato? Reviewed by Marco Bergo on 05 maggio Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.